Torna a Eventi FPA

Innovazione nella PA

Trasformazione digitale

Transizione verde

Inclusione sociale

Inclusione sociale

Torna al programma

  da 17:00 a 17:50

Rubrica Lavoro&Welfare. La mobilità professionale in Europa: la rete EURES e il progetto EURES targeted mobility scheme [ rpa.66 ]

Il progetto EURES Targeted Mobility Scheme (TMS) è finanziato dal Programma europeo per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI), ed è coordinato da ANPAL - Ufficio di Coordinamento Nazionale EURES Italia, assieme a un ampio partenariato di organizzazioni pubbliche e private a livello nazionale ed europeo. 

EURES TMS sostiene la mobilità professionale volontaria e circolare dei lavoratori, tramite l’erogazione di servizi personalizzati e benefit finanziari diretti. Il progetto è aperto a persone in cerca di lavoro, con un’età superiore a 18 anni, che siano cittadini e/o residenti in uno degli Stati europei o EEA (Norvegia e Islanda) che desiderino vivere un’esperienza di lavoro/tirocinio o apprendistato in uno Paese diverso da quello di residenza e a imprese e altre organizzazioni, con sede legale in uno degli Stati ricompresi nel progetto, con o senza scopo di lucro, con un particolare focus sulle Piccole e medie imprese, che possono anche accedere ai benefit previsti.

Sito: [email protected]

Contatti: [email protected]

A cura di

Programma dei lavori

Interviene

Mastracci
Catia Mastracci Coordinatore nazionale EURES Italia - ANPAL Biografia

Ricercatore Senior ANPAL “Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro”. Esperta di progettazione, management, monitoraggio e valutazione di programmi e progetti comunitari. Dal 2015 si occupa di EURES (European Employment services). Dal 2018 è il Coordinatore Nazionale della rete EURES Italia e Responsabile dei progetti Europei. Dal 2012 al 2014 è stata componente della Segreteria tecnica del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, per lo sviluppo di dispositivi e iniziative a sostegno della formazione, occupabilità e occupazione dei giovani, a livello nazionale ed europeo. Nei dieci anni precendenti ha lavorato nell’Agenzia nazionale Leonardo da Vinci e Lifelong learning e (Isfol) ricoprendo ruoli di responsabilità nel coordinamento e gestione delle azioni pilota finanziate dalla CE.  

Chiudi

Torna al programma