Torna a Eventi FPA

Innovazione nella PA

Trasformazione digitale

Transizione verde

Inclusione sociale

AGID

L’AgID-Agenzia per l'Italia Digitale, istituita con Decreto legge 22 giugno 2012, n. 83, è l’agenzia tecnica della Presidenza del Consiglio che ha il compito di garantire la realizzazione degli obiettivi dell’Agenda digitale italiana, in coerenza con l’Agenda digitale europea.

AgID contribuisce alla diffusione dell'utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, favorendo l'innovazione e la crescita economica.

AgID inoltre:

  • assicura il coordinamento dell'amministrazione statale, regionale e locale nel percorso di attuazione del Piano Triennale per l’informatica della Pubblica amministrazione, favorendo la trasformazione digitale del Paese;
  • sostiene l’innovazione digitale e promuove la diffusione delle competenze digitali, anche in collaborazione con le istituzioni e gli organismi internazionali, nazionali e locali";
  • elabora indirizzi, regole tecniche e linee guida in materia di omogeneità dei linguaggi, delle procedure e degli standard per la piena interoperabilità e uniformità dei sistemi informatici della pubblica amministrazione;
  • vigila sulla qualità dei servizi e sulla razionalizzazione della spesa informatica della pubblica amministrazione.

È partner di

lunedì, 21 Giugno 2021

10:00
11:00

Le nuove linee guida sulla formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici[tpa.08]

Il 9 settembre 2020 l’Agenzia per l’Italia digitale ha pubblicato le nuove linee guida sul documento informatico, elemento centrale per la digitalizzazione delle pratiche amministrative. La gestione documentale dei procedimenti amministrativi garantisce la corretta amministrazione dei documenti dalla loro produzione alla conservazione a norma. In quest’ottica sono sta [...segue]

martedì, 22 Giugno 2021

09:32
10:30

Il Domicilio digitale e i trusted services[tpa.07]

Il talk si propone di fornire un quadro di riferimento e le fasi di attuazione del domicilio digitale dei cittadini e dei soggetti non obbligati. Al tempo stesso vuole fare un bilancio e alcune riflessioni per il futuro in merito all’adozione in Italia dei servizi fiduciari come previsti dal regolamento eIDAS con alcuni dei principali protagonisti sullo scenario europeo e nazionale, [...segue]