Torna a Eventi FPA

Innovazione nella PA

Trasformazione digitale

Transizione verde

Inclusione sociale

Torna al programma

  da 10:21 a 11:28

Mezzogiorno e Responsabilità Sociale di Impresa nella prospettiva europea del Reporting di sostenibilità [ tpa.17 ]

 

Il tema della Responsabilità Sociale d’Impresa cresce stabilmente nella consapevolezza delle istituzioni nazionali e internazionali e, più al Nord e meno al SUD, delle aziende, ma anche nell’attenzione della società civile e delle Università con più di 211 insegnamenti dedicati negli atenei del Mezzogiorno (dati Osservatorio Socialis). Da oltre cinquanta anni guarda ad un orizzonte che traccia migliori condizioni per la produzione e la competitività, per i lavoratori ed anche per i territori dove l’azienda opera, e stabilisce obiettivi concreti che nel tempo sono stati raggiunti e hanno fatto avanzare la visione che ispira la RSI.

Il corpus normativo si amplia ma per alcuni rimane ancora troppo sbilanciato sulla componente ambientale e meno cogente di quello che sarebbe necessario sulla sostenibilità sociale. Oggi è condivisa la necessità di cambiare modello di sviluppo per renderlo sostenibile sotto il profilo ambientale e sociale oltreché economico: il Green deal dell’UE che indirizza i fondi del Recovery and Resilience Fund e quelli dei Fondi strutturali per quasi due terzi su queste linee di sviluppo, coerenti con l’Agenda ONU 2030, interpella tutte le imprese e specie quelle meridionali a crescere nella partica della responsabilità sociale sia al loro interno che sul territorio dove agiscono.

L’impresa è chiamata a creare valore sociale di lungo termine e anche il mondo finanziario ne terrà conto. Cresce infatti la frequenza con cui gli investitori valutano i criteri ESG (Environmental, che riguarda l’impatto su ambiente e territorio; Social, che comprende tutte le iniziative con un impatto sociale; Governance, che riguarda aspetti più interni all’azienda e alla sua amministrazione). Per questo motivo anche la normativa europea alza l’asticella imponendo che il non financial report facoltativo e complementare al Bilancio finanziario si trasformi in un Reporting di sostenibilità incluso in un unico documento con il bilancio finanziario. Una strada che per le aziende del Sud è ineludibile se vogliono candidarsi alla ricostruzione del Mezzogiorno e del paese.

Il ruolo strategico del MiSE nell’accompagnare questo percorso per le imprese, per il sistema del credito e per gli enti locali è fondamentale. Per questo il PCN OCSE, con la missione di accrescere nel sistema imprenditoriale italiano la pratica della RSI, e Merita, convinta che lo sviluppo sostenibile al SUD passi anche per la Responsabilità sociale di impresa, hanno voluto questa tavola rotonda nell’ambito di Forum PA 2021.

In collaborazione con

Programma dei lavori

Introduce e Modera

Agrò
Maria Ludovica Agrò Curatrice Scientifica FORUM PA Sud – Socia Merita Biografia

Nata a Roma il 26.3.1954. E' sposata ed ha tre figli.

Laureata con lode in Scienze politiche con indirizzo politico-economico-internazionale all’Università La Sapienza di Roma, si è specializzata in “Studi europei”  e in “Soluzione dei conflitti giuridici internazionali” .

E' stata Direttore Generale dell’Agenzia per la coesione territoriale dal dicembre 2014 ad agosto 2018

Precedenti incarichi

Direttore Generale della Politica Industriale, Competitività e Piccole e Medie Imprese (dal 7 febbraio 2014 al 18 dicembre 2014)
Direttore Generale della Politica Industriale e Competitività MiSE ( dal 9 agosto 2013 al 6febbraio 2014)  
Direttore Generale Politica Regionale Unitaria Comunitaria –Dipartimento Sviluppo e Coesione (16 febbraio 2012-8 agosto 2013)
Direttore Generale dell’Ufficio degli Affari Generali e delle Risorse MiSE (1dicembre 2011-15
febbraio 2012)
Responsabile delle “Politiche di sostegno e promozione dei settori del Made in Italy” e del Punto Nazionale di Contatto OCSE per la Responsabilità Sociale di Impresa nell’ambito della Direzione Generale Politica Industriale e Competitività – MiSE (da agosto 2009 al 30 novembre 2011)
Direttore Generale della Proprietà Industriale -Ufficio Italiano Brevetti e Marchi -Ministero dello Sviluppo Economico (dal 1  gennaio 2008 al 31 gennaio 2009)
Direttore dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi – Ministero delle Attività produttive (dal
4 giugno 2002 al 31 dicembre 2007)
Dirigente, come  vincitrice di concorso, dell’Ufficio  dei Marchi  Internazionali  e Comunitari -
Ufficio  Italiano Brevetti e Marchi – Ministero delle Attività produttive (1995-2002)
Funzionario,vincitrice del concorso pubblico per Capo Ufficio Statistica, presso il Ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato (commercio interno e  industrie alimentari
1980 -1995)
Altri incarichi attuali
Membro del Comitato per lo sviluppo delle industrie del settore aeronautico Legge 808/85
Delegato italiano nel Gruppo di alto livello Entreprise Policy presso la Commissione Europea (EPG)
Delegato italiano al Comitato Industria presso l’OCSE  (dal 2009)
Membro del Bureau del Comitato Industria presso l’OCSE (dal 2011)
Co-presidente del gruppo MENA-OCSE per la politica delle PMI e lo sviluppo dell’imprenditorialità e del capitale umano (dal 2010)
Co-Presidente del gruppo di cooperazione industriale e per le alte tecnologie nel
l’ambito del Consiglio di Cooperazione Italia-Russia (dal 2010)

Chiudi

Tavola rotonda

Fiorentino
Mario Fiorentino Direttore generale per la politica industriale, l'innovazione e le piccole e medie imprese - Ministero dello sviluppo economico Biografia

Mario Fiorentino è attualmente Direttore generale per la politica industriale, l'innovazione e le piccole e medie imprese del Ministero dello sviluppo economico.

E' stato Direttore monocratico dell’OIV del MISE (anni 2015 - 2016) ed è ex Componente del Comitato dei garanti della Dirigenza istituito presso la Funzione Pubblica (anni 2012 - 2015).

Chiudi

Ghirardi
Gaia Ghirardi Responsabile Sostenibilità - Cassa Depositi e Prestiti
Migliorato
Marina Migliorato Marina Migliorato Advisory board ANIMA per il sociale nei valori di impresa
Tavassi
Francesco Tavassi Presidente Temi SpA - Socio Merita Biografia

Nato a Napoli il 26 settembre 1958.

Da subito segue lo sviluppo delle aziende familiari, da tre generazioni impegnate nel campo del trasporto e della distribuzione delle merci in conto terzi e dei servizi logistici connessi. Il gruppo Tavassi è oggi parte de i Centenari - Aziende storiche familiari.

Conseguite le abilitazioni per lo svolgimento delle attività professionali si pone alla guida del Gruppo industriale di famiglia che oggi genera un fatturato di circa 90 milioni di euro con 85 dipendenti diretti e con circa 350 persone che operano nell’indotto.

I servizi offerti dal Gruppo vengono usufruiti da un numero notevole di operatori economici di tutti i settori merceologici appartenenti alla piccola e medio impresa napoletana.

La Temi Spa, società capofila del Gruppo, contribuisce a numerose iniziative socio culturali promosse nell’interesse di Napoli e sostiene diverse società sportive nella provincia oltre ad essere attenta alla qualità del contesto nel quale opera.

La responsabilità sociale d'impresa è al centro dello sviluppo delle aziende del gruppo, con iniziative, risultati e visione riepilogati con trasparenza ogni anno nel Bilancio sociale d’Impresa, pubblicato a partire dal 2019.

Da alcuni anni il Gruppo è entrato nel settore turistico rilevando una struttura alberghiera  nella provincia di Salerno, nel Cilento.

Da sempre impegnato nel mondo delle associazioni di categoria, Francesco Tavassi ha ricoperto ruoli, anche apicali, sia in ambito territoriale che nazionale.

Dal 2013 è membro della giunta nazionale di CONFETRA, Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica.

Attualmente è membro del consiglio direttivo della Federazione Italiana Trasportatori (FEDiT) e del consiglio direttivo di ASSOLOGISTICA.

Tavassi, Vice Presidente dell'Unione Industriali di Napoli con la delega alla “Economia del Mare”, è inoltre componente, in rappresentanza di Confindustria, del tavolo di partenariato della risorsa mare presso l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale.

Chiudi

Sampaolo
Luigi Sampaolo Vice Presidente Direzione Progetti e Relazioni strategiche di Sostenibilità - ENI
Francesconi
Maria Benedetta Francesconi Responsabile Segretariato PCN - OCSE MiSE
Torna al programma