Torna a Eventi FPA

Innovazione nella PA

Trasformazione digitale

Transizione verde

Inclusione sociale

Innovazione nella PA

Torna al programma

  da 13:32 a 14:21

Rethink, Redesign, Redeploy Comunicare le politiche pubbliche dopo la pandemia [ ad.10 ]

PER RIVEDERE LE ACADEMY CLICCA QUI

L’evoluzione degli strumenti di comunicazione e la sempre maggiore disponibilità di canali e messaggi hanno determinato, soprattutto nell’ultimo anno di crisi pandemica, una vera e propria inversione della curva del ciclo di vita comunicativo delle istituzioni pubbliche.  Un cambio di rotta che ha condotto a un burnout comunicativo dal quale è ora necessario uscire non solo per motivi di etica quanto per motivi di efficacia delle politiche pubbliche.  

Ripensare il ruolo della comunicazione, ridisegnarne il perimetro di azione e redistribuirne il peso specifico in tutte le fasi di una policy sono i tre pilastri di questa nuova normalità comunicativa post-pandemica.   

In collaborazione con

Programma dei lavori

Docente

Paciello
Raffaele Paciello Comunicazione PON Città metropolitane Biografia

Studioso delle dinamiche di innovazione organizzativa e comunicazione istituzionale, si occupa di corporate reputation e stakeholder relationship governance in ambito pubblico e privato. 

Master MBA, specializzazione in Relazioni pubbliche d’impresa presso l’Università Iulm di Milano e in Economia e Politiche dello Sviluppo presso l’Università Luiss Guido Carli, studia le dinamiche di comunicazione e reputazione delle politiche e delle istituzioni pubbliche nazionali ed europee.  

Autore di ricerche e saggi, ha insegnato e condotto studi e lavori per diverse università, aziende, fondazioni ed istituti di ricerca nazionali ed internazionali fra cui l’Università degli Studi di Napoli Federico II, Universidad Politécnica de Madrid, Universitat Autònoma de Barcelona, Edizioni Scientifiche Italiane, Formez, Ministero dello Sviluppo Economico, Fondazione Crui e Doxa.  

Ha diretto e pubblicato diverse ricerche in materia di informazione, comunicazione e stakeholder engagement in particolar modo sui temi delle politiche pubbliche e urbane e sui temi della misurazione e valutazione della conoscenza e reputazione delle politiche di coesione europea in Italia. Attualmente è membro della European Communication Research and Education Association, membro del gruppo di ricerca internazionale per il Banco delle Iniziative solidali (Solivid) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e coordinatore dell’Unità “Comunicazione e politiche pubbliche della Fondazione Giacomo Brodolini.  

Chiudi

Torna al programma